Tutelare la salute dei lavoratori e scongiurare rallentamenti nelle attività nel porto di Livorno. È con questi obiettivi che il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, Stefano Corsini, ha convocato per martedì prossimo il Comitato di Igiene e Sicurezza, strumento previsto dall’art.7 del Decreto 279.

La riunione si svolgerà a partire dalle ore 15.00, presso Palazzo Rosciano. Sono stati invitati a partecipare il Comune di Livorno, la Capitaneria di Porto, il Commissariato di Polizia di Frontiera Marittima, la Guardia di Finanza, L’Ufficio di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera, l’A.S.L. (dipartimento di prevenzione) e le associazioni datoriali e sindacali (Assiterminal, Assimprese, Confindustria oltre a Cgil-Filt; Cisl-Fit e Uiltrasporti). Coinvolti anche i R.L.S di sito del porto di Livorno.

La convocazione del Comitato di Igiene e Sicurezza è in ordine di tempo solo l’ultima delle iniziative promosse dall’AdSP per far fronte all’emergenza del Coronavirus. Già nelle prime settimane di febbraio la Port Authority si era attivata diffondendo agli operatori portuali una informativa sui comportamenti da tenere per prevenire il contagio da Covid-19. In una nota firmata dalla responsabile della direzione Sicurezza, Ambiente e Servizi, Cinzia De Luca, le imprese erano state infatti invitate a seguire le misure di protezione previste dalle circolari 3190 del 3 febbraio e 5433 del 22 febbraio emanate dal Ministero della Salute.