Porto Aperto è un progetto di apertura del porto alla città, che mira a facilitare la conoscenza del principale motore economico del territorio.

Attraverso una serie di eventi, i cittadini, soprattutto i giovani e il mondo della scuola, vengono invitati a entrare nel porto, oltre i varchi doganali, a conoscere il mondo di quello che, per molte città, rappresenta il principale traino dell’economia. Un progetto quindi che ha l’obiettivo di favorire una concreta integrazione tra porto e territorio, attraverso il quale i cittadini e gli studenti possono sperimentare direttamente le diverse dimensioni della realtà portuale. In particolare, per le scuole secondarie, il progetto rappresenta un momento importante ai fini dell’orientamento al lavoro. Punto focale del progetto è la conoscenza diretta del porto, con un programma di attività che, nelle precedenti edizioni a Livorno, prevedeva: visita generale del porto; visita di terminal specifici; visita della Capitaneria di Porto; visita dell’Agenzia delle Dogane; visita dell’Interporto Toscano “A. Vespucci”; visita del cantiere Benetti.

La programmazione delle attività classiche del progetto a Livorno (oltre alle visite guidate, trasmissioni sull’emittente locale Telegranducato, incontri con le scuole e la cittadinanza, mostre per conoscere le zone inaccessibili del porto e i suoi protagonisti) prevede visite preliminari al laboratorio multimediale del Port Center e al Magazzino delle Imbarcazioni Storiche, che, a partire dalla 10a edizione del Progetto, sono stati proposti come passaggio propedeutico alla scoperta del porto nella sua interezza. Anche idealmente, si definisce, in questo modo, un percorso completo: i visitatori entrano nel mondo del porto muovendo i primi passi nel suo cuore storico, la Fortezza Vecchia. Proprio al suo interno, attraverso gli strumenti di edutainment del Port Center, i visitatori vengono poi avviati piacevolmente alla conoscenza del porto, con la promessa di vederlo fisicamente nel corso delle visite guidate. Per quanto riguarda Piombino e i porti dell’Isola d’Elba, è allo studio un progetto di implementazione del Port Center e un’estensione delle visite guidate ai relativi porti.

Porto Aperto è ormai un concetto ampio che ingloba l’integrazione porto-città promossa dal Livorno Port Center e quella che si manifesta nell’integrazione del patrimonio storico-artistico legato al porto (Fortezza Vecchia).

Da chi è promosso?

Porto Aperto è promosso e organizzato dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, in collaborazione con Regione Toscana, Comune di Livorno e Centro Risorse Educative e Didattiche del Comune, Comune di Collesalvetti, Comune di Capraia Isola, Capitaneria di Porto di Livorno, Agenzia delle Dogane, Ufficio Scolastico Provinciale di Livorno, Società “Porto di Livorno 2000” e Società “Turismo e crociere”, Interporto Toscano “A. Vespucci”, Associazione “Stella Maris” di Livorno.

A chi è rivolto?

A giovani e studenti, a cui viene offerta la possibilità di entrare dentro il porto, oltre i varchi doganali, per conoscere il principale volano di sviluppo dell’economia del territorio.

Ai lavoratori del porto, che possono diventare ciceroni della loro professione e ambasciatori del progetto, disseminando informazioni vive e dirette sulle prospettive di crescita dello scalo.

Ai cittadini in genere, che possono vedere da vicino come funzioni davvero un porto.