Un centinaio di passi in salita dall’entrata principale della Fortezza Vecchia e si arriva alla Palazzina del Capitano, puntata a mezza altezza tra i sotterranei e il secondo e ultimo piano del complesso mediceo.

Il Livorno Port Center, struttura realizzata dalla Direzione Promozione e Comunicazione della ex Autorità Portuale di Livorno, come area di raccordo con le realtà professionali del porto e della logistica, ha sede nella Palazzina del Capitano, all’interno della Fortezza Vecchia, in prossimità del Terminal Passeggeri. La sua collocazione, nel cuore di uno dei monumenti più importanti della città, lo rende una meta appetibile anche per i passeggeri di traghetti e navi da crociera.

Il Livorno Port Center sancisce il completamento del percorso espositivo espressamente concepito per favorire l’incontro tra la città e il porto, la più importante realtà economica del territorio in cui operano molteplici professionalità, ma che a volte non viene compreso a causa della sua complessità.

La struttura, inaugurata il 3 novembre 2015 e ufficialmente aperta al pubblico dal 1° marzo 2016, offre una sala espositiva di 134 mq, nella quale ha trovato spazio un moderno e ipertecnologico centro didattico dedicato al porto di Livorno, alla sua storia, ai suoi mestieri e ai suoi traffici, studiato assieme all’Università di Pisa (Polo Universitario Sistemi Logistici di Livorno e laboratorio SEED).

Il laboratorio multimediale interattivo permette di esplorare e approfondire le principali tematiche riguardanti il Porto di Livorno attraverso un apparato didattico-espositivo multimediale di ultima generazione che guida il visitatore alla scoperta del porto: la sua storia e il suo sviluppo, le attività industriali legate alla logistica, il traffico passeggeri, gli scambi internazionali, i mestieri portuali, fino ad arrivare al più generale tema dell’integrazione tra porto e città.

Ad oggi, il centro educativo-espositivo ha riscosso notevole interesse da parte della cittadinanza e soprattutto delle scuole di ogni ordine e grado dell’area labronica e non solo. Il suo obiettivo principale è aprire “le porte del porto” alla città e al territorio, promuovendo e diffondendo la conoscenza delle attività che in esso si svolgono.

Nella Charter of missions of a Port Center redatta dall’associazione internazionale Villes et ports nell’ottobre del 2011, il Port Center viene definito come un luogo che «perseguendo l’obiettivo di sensibilizzazione e di valorizzazione dell’attività portuale, offre al pubblico la possibilità di conoscere meglio l’attività portuale attraverso animazioni pedagogiche, visite guidate, esposizione permanenti, ecc.».

La vocazione didattica del Port Center lo accredita innanzitutto come luogo di scambio e di confronto con le comunità studentesche: oltre ad accogliere quotidianamente scolaresche in visita al centro espositivo multimediale e al Magazzino delle Imbarcazioni Storiche, la struttura, in convenzione con gli istituiti di istruzione superiore locali, ospita gruppi di studenti in alternanza scuola-lavoro (secondo le previsioni della Legge 107/2015): ai ragazzi della scuola secondaria di secondo grado viene offerta l’opportunità di sperimentare contesti didattici in ambienti lavorativi, attraverso modalità di apprendimento flessibili che collegano sistematicamente la formazione in aula con l’esperienza pratica. Il Port Center ha offerto piena disponibilità all’operazione generale di arricchimento dei percorsi scolastici e formativi e, in quanto area di raccordo con le realtà professionali del porto e della logistica, è sede di tirocini curricolari universitari coerenti con i percorsi accademici.

Parte integrante del circuito didattico-espositivo livornese, ad oggi visitabile su prenotazione, è il Magazzino ex FS del porto, che ospita tre imbarcazioni storiche accuratamente restaurate: il navicello “Pilade”, la motovedetta “Marzocco” e la “Teresa”, motobarca da pesca legata alla storia cittadina e al Palio Marinaro di Livorno. La Motonave “Bruno Gregoretti”, inoltre, lungamente considerata l’inaffondabile sentinella della costa livornese, è ormeggiata presso la Darsena Vecchia del porto: dopo una delicata operazione di recupero tecnico, è stata restituita alla città e resa visibile e visitabile in una collocazione idonea, prospiciente la Capitaneria di Porto, a ricordarne i trascorsi.

Con questa opera generale di restauro l’AdSP ha inteso mettere in luce il patrimonio storico portuale, di cui il Livorno Port Center costituisce il punto di riferimento primario.

Dall’11 gennaio 2018 è in corso una convenzione con il Rotary Club Livorno, con l’obiettivo di supportare lo sviluppo di alcuni punti essenziali di un progetto a lungo termine mirato a valorizzare l’esposizione delle Imbarcazioni Storiche e il patrimonio in essa custodito, con l’obiettivo sostanziale di diffondere la conoscenza delle attività marittimo-portuali che hanno segnato la storia del porto di Livorno.