Sono cominciati stamani, a quasi tre anni dalla tragedia nella quale perse la vita l’elettricista napoletano Gabriele Perrone, i lavori di demolizione della nave Urania che occupa il bacino galleggiante “Mediterraneo” del porto di Livorno

La rottamazione della struttura in acciaio avrà inizio ad agosto con la cesoiatura della  dello scafo e della parte sovrastrutturale.

Una volta asportato il relitto, si potranno ultimare i lavori di riparazione del bacino.
Ciò darà modo all’Autorità di Sistema Portuale di proseguire con la predisposizione delle lettere di invito relative alla gara per l’assegnazione dei bacini di carenaggio, che saranno presto trasmesse ai concorrenti prequalificati.

Un passo avanti decisivo, frutto del certosino lavoro congiunto delle istituzioni, che ha consentito, con pazienza, di risolvere i nodi più intricati.