Il prossimo 25 settembre l’Autorita di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale volerà a New York per presentare, alla Columbia University, “Sustainable Development Goals and Smart Port”, una delle sette iniziative (su 25) selezionate a livello mondiale e messa in piedi dall’AdSP (in particolare dalla Direzione Sviluppo, Programmi Europei e Innovazione) assieme alla Fondazione Enrico Mattei (FEEM), a ERICSSON e al Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (CNIT).

L’iniziativa verrà presentata nell’ambito del Global Solution Forum, un Forum Globale dedicato a condividere i migliori progetti locali focalizzati sui 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, approvata dalle Nazioni Unite.

“L’iniziativa deve essere inquadrata nel progetto più ampio dello Smart Port Sustainability Index, lanciato dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale durante la terza edizione della Naples Shipping Week” ha dichiarato Antonella Querci, dirigente Sviluppo, Programmi Europei e Innovazione dell’AdSP.

“Il progetto – ha continuato la Querci – si prefigge di validare un set chiave di Indicatori di prestazione innovativi, che considerino la tecnologia come leva principale per la valutazione delle performance di un Porto”.

Il lavoro congiunto si concentra sulla definizione di un modello di valutazione di nuove tecnologie introdotte nei processi portuali e sull’impatto della trasformazione digitale rispetto agli obiettivi di sviluppo globale delle Nazioni Unite.

La tecnologia di validazione del modello è il 5G, già oggetto di uno dei casi di studio del progetto H2020-COREALIS. Tecnologia che ha fatto del Porto di Livorno il primo testbed su scala nazionale.

Si tratta di un altro importante traguardo raggiunto per la Port Authority, una nuova opportunità di sviluppo ed innovazione per l’intero Sistema Portuale.