L’Autorita di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale ha partecipato oggi pomeriggio ad un webinar internazionale organizzato dall’Agenzia delle città e dei territori del Mediterraneo Avitem.

L’iniziativa, focalizzata sulla crisi e la capacità di resilienza dei porti, si è sviluppata per tutta la giornata, snodandosi in tre sessioni, una delle quali dedicata all’importanza della cooperazione marittima nel Mediterraneo.

E’ stato proprio a questa sessione che ha preso parte l’Ente, con un intervento del segretario generale Massimo Provinciali: “In un contesto in cui si dà per scontato che rischi e pericoli vadano oltre le nostre possibilità di controllo, la cooperazione assume un ruolo ancora più strategico” ha dichiarato il. 2 dell’AdSP.

“La collaborazione entra oggi più che mai in gioco come un codice di condotta sul quale fare leva per favorire forme di adattamento progressivo alle difficolta che stiamo vivendo” ha fatto osservare Provinciali, che ha aggiunto: “Non è un caso che in Italia il legislatore abbia voluto imprimere in questo senso una svolta alla legge 84/94, passando dalla concezione della concorrenza fra porti a quella della cooperazione tra più sistemi portuali sotto un unico centro decisionale. Dobbiamo impegnarci per sviluppare ulteriormente nuove forme di cooperazione, prima di tutto tra i porti che operano in uno stesso bacino di mercato o in una stessa macro area geografica”.

“E’ inutile stringere protocolli di intesa con scali portuali lontani, come quello di Shanghai, se prima non riusciamo a rafforzare gli strumenti di cooperazione tra i porti vicini”, ha concluso il segretario generale dell’AdSP.