Il Cairo – il Secondo Dialogo Egitto – Italia per il settore marittimo, fortemente voluto dalle autorità egiziane e coordinato dal Ministero degli Esteri Italiano e dall’Ambasciata d’Italia in Egitto, ha visto la partecipazione di più di 150 delegati, rappresentanti di Istituzioni, dogane, autorità portuali, armatori, operatori logistici.

In questo contesto sono stati sottoscritti due importanti accordi; il primo coinvolge le direzioni competenti dei ministeri dei trasporti italiano ed egiziano ed è relativo all’autorizzazione dei trasporti stradali merci fra Italia ed Egitto effettuati con linee ro-ro.

Il secondo, sottoscritto dal numero uno dell’AdSP del Mar Tirreno Settentrionale, Stefano Corsini, e dal Presidente dalla General Authority of Alexandria Port, Hussam El-Rwayni, alla presenza del Ministro dei Trasporti Egiziano, Kamel El Waziry, e dell’Ambasciatore d’Italia in Egitto, Giampaolo Cantini, prevede innanzitutto azioni di sviluppo delle connessioni marittime, sia linee esistenti sia con nuovi servizi, a partire dal traffico Ro-Ro.

Particolarmente apprezzata, poi, dai partner egiziani è risultata l’esperienza di Livorno nelle soluzioni digitali innovative. Di interesse per le due parti è poi il lancio di azioni congiunte per l’innovazione ed il trasferimento tecnologico a favore dei porti: anche l’Egitto ha grande attenzione verso nuove tecnologie emergenti, come il 5G, la Blockchain, l’Internet of Things che hanno trovato a Livorno il loro testbed portuale ideale.

Il Workshop di presentazione cui ha partecipato la AdSP MTS rappresentata da Francescalberto De Bari, Responsabile Programmi Eu e Innovazione, è stata l’occasione per condividere prospettive strategiche e soluzioni concrete: «L’AdSP, con i porti di Livorno e Piombino, vuole essere l’apripista di un approccio di sistema allo sviluppo portuale», ha detto De Bari. Questo approccio di sistema è stato sposato da tutti i partner italiani e egiziani.