Il Comune di Livorno e l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, in merito all’Ordinanza dell’AdSP n. 11 del 13 aprile 2018, con la quale è stata disposta l’interdizione dell’accesso alle dighe foranee del porto di Livorno, intendono rendere noto alla cittadinanza un ulteriore necessario chiarimento.

Il provvedimento, pur nella consapevolezza di incidere sulla consuetudine da parte dei pescatori sportivi e dei cittadini in genere di usufruire delle strutture delle dighe foranee per attività sportive e di tempo libero, si è reso necessario nel primario interesse di tutela della pubblica incolumità.

Tuttavia tenendo conto delle aspettative della cittadinanza, l’AdSP ha già programmato, per quanto concerne la diga della Meloria, l’esecuzione di lavori di consolidamento del coronamento di banchina, la cui conclusione è prevista entro il giorno 15 del prossimo mese di luglio. Ciò, potrà consentire di riconsiderare il provvedimento di interdizione, con apposita regolamentazione di accesso ed utilizzo della struttura, nei limiti consentiti dalle esigenze di tutela della sicurezza pubblica. Fermo restando l’esigenza di tutela della sicurezza, sono allo studio misure interdittive transitorie alternative.

Per quanto concerne le dighe Curvilinea e Vegliaia, nello stesso spirito, l’AdSP effettuerà approfondimenti tecnici per valutare l’eventuale possibilità di eseguire interventi che permettano di fare analoga riconsiderazione del provvedimento di interdizione, relativamente alle zone in cui ciò risulterà possibile.